EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

31 Lug 2015
Senza categoria

Educational Pisa: stampa francese in tour negli itinerari fluviali toscani dal Canale navicelli all’Arno nei giorni della Luminara

pisa, stampa estera

Unii ogni anno organizza un educational tour sulle vie navigabili per promuoverle e farle conoscere alla stampa estera.
Per l’edizione di giugno 2015, è stata scelta Pisa per presentare una novità assoluta in Francia, ossia la possibilità di navigare nei canali e fiumi della Toscana, avendo la possibilità di vedere anche Pisa e Firenze.
Tutto questo affinché i giornalisti del settore creino una sorta di propaganda nella loro città e portino a conoscenza anche le agenzie di viaggio francesi del prodotto disponibile in Italia da offrire a chi vuole visitare il Bel Paese.
Il giorno 15 giugno il gruppo stampa estera è stato accolto dall’Unione Navigazione all’Aeroporto Galileo Galilei per condurlo dal Sindaco di Pisa, Marco Filippeschi, che ha dato loro il benvenuto presso il Municipio, illustrando qualche cenno storico della città e il gemellaggio tra Pisa e il Comune di Anger  in Francia. Prima dell’imbarco in battello per il giro sull’Arno il Sindaco e il Presidente della Società Navicelli di Pisa, Giovandomenico Caridi, spiegano l’utilità delle vie navigabili toscane.
Ricordando il fiume Arno a Firenze la cui foce si trova all’interno di un bellissimo parco, residenza estiva dei Presidenti della Repubblica Italiana, il parco di San Rossore che con Migliarino e Massaciuccoli forma un patrimonio della Biosfera Unesco.
Il Canale Navicelli a Pisa che con i suoi 17 km di lunghezza conduce a Livorno è, come il fiume Arno un importante risorsa turistica e commerciale in quanto le navi da crociera che arrivano al Porto di Livorno possono offrire un’escursione a Pisa attraverso un Tour sul Canale Navicelli con battello, e le navi commerciali possono caricare della merce che arriva direttamente dal Canale con chiatte, è noto infatti l’insediamento lungo il canale di Industrie, prima fra tutti quella cantieristica.
25 Mar 2015
Senza categoria

VIAGGIO NELL’ANTICO DOGADO

Slow tourism tra Padova e Venezia

Viaggio nell’Antico Dogado” è il video realizzato dalla Provincia di Padova e GAL Antico Dogado nell’ambito del progetto TUR RIVERS per promuovere forme di turismo slow lungo le vie d’acqua del territorio dell’Antico Dogado. Il video (durata 3:17 minuti) racconta con tecniche di storytelling il viaggio di una giovane turista che si immerge nella campagna veneta, tra le province di Padova e Venezia, la scopre e la percorre con mezzi lenti, quali canoa, bicicletta, cavallo e battello turistico, per raggiungere Chioggia, splendida città sulla laguna sud di Venezia.

Le terre dell’Antico Dogado, chiamate anche “Terre di mezzo”, sono formate da 13 comuni –7 in Provincia di Padova: Arzergrande, Bovolenta, Candiana, Codevigo, Correzzola, Pontelongo, Terrassa Padovana e 6 in Provincia di Venezia: Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Cavarzere, Chioggia, Cona, Mira – accomunati dalla dominazione della Serenissima. Percorrere l’Antico Dogado significa tuffarsi nelle campagne dove i nobili veneziani ricrearono lo sfarzo delle loro residenze di Venezia per trascorrere momenti di svago e divertimento, mentre gestivano le loro proprietà terriere. Si può rivivere questa atmosfera nelle favolose ville che si specchiano sull’acqua lungo i fiumi navigabili, come Adige, Bacchiglione e Brenta, che si intrecciano ai canali artificiali che irrigano la fertile campagna veneta fino a incontrare il mare Adriatico.

È un territorio da scoprire in armonia con i tempi della natura e dell’uomo per ritrovare la giusta dimensione del tempo, il relax e l’evasione dai ritmi urbani e dal traffico. Sono tanti gli itinerari da fare a piedi, in bicicletta, a cavallo, in canoa o a bordo di un battello turistico, con un’escursione giornaliera o una vacanza slow, seguendo l’antica via del sale, in un susseguirsi di ville venete, corti benedettine, valli di pesca, idrovore e campanili, partendo da Padova o dalla Riviera del Brenta e arrivando a Chioggia.

Chioggia è una pittoresca cittadina di pescatori con canali, calli, campielli, ponti e palazzi che si riflettono sull’acqua della laguna veneziana. Ricorda Venezia, tuttavia, Chioggia ha un’identità distintiva, che emerge dal carattere orgoglioso della sua popolazione. La città è un ottimo punto di partenza per le s visitare la verdissima campagna veneta che si estende fino a Padova attraverso le terre dell’Antico Dogado.

Percorrere le terre dell’Antico Dogado significa immergersi in ambienti rurali sospesi tra terra e acqua, osservare la tranquilla vita dei pescatori e gustare i sapori locali di antiche ricette. Sono tanti i piatti a base di specialità locali: il radicchio di Chioggia, l’asparago bianco di Giare, la zucca marina di Chioggia, il pregiato miele di barena e i vini DOC del territorio (“Riviera del Brenta”, “Corti Benedettine”, “Bagnoli”). Dal mare arrivano branzini, anguille, cefali e “moeche” (granchi senza carapace), che abili cuochi trasformano in Broeto de pesse alla Ciosota (brodo di pesce alla chioggiotta), Sardele in saor (sardine frollate nella cipolla), Moeche frite, Bigoli in salsa e risotti. Non mancano certo i piatti di carne e gli insaccati come salami, luganeghe e soppresse.

https://www.youtube.com/watch?v=Zcm51GF0JqQ

PRESENTAZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO DI MOBILITÀ TURISTICA BARCA BICI BUS LUNGO IL FIUME LEMENE LA LAGUNA DI CAORLE E LA LITORANEA VENETA

Domenica 16 novembre alle ore 9.00 in sala consiliare a Portogruaro è stato presentato il nuovo Sistema integrato di mobilità turistica Barca Bici Bus lungo il fiume Lemene la laguna di Caorle e la Litoranea Veneta.

Il Sistema è proposto dalle aziende locali Blu Verderame in accordo con una rete di operatori privati ed è finalizzato alla strutturazione e proposta di visite nel territorio della Venezia Orientale con imbarcazioni elettriche e biciclette e con la collaborazione di ATVO Spa che, con i propri autobus, curerà il trasporto dei turisti e dei visitatori dagli Aeroporti di Venezia e di Treviso e dai principali snodi autoferroviari.

Il Sistema integrato di mobilità turistica consente di percorrere le vie navigabili del fiume Lemene e la Litoranea Veneta interconnettendosi con le piste ciclabili del Giralemene, del Giralagune, del Giratagliamento e del Giralivenza, consentendo così di raggiungere tutti i Centri della Venezia Orientale e fruire delle molte attrattive e peculiarità ambientali, storiche, culturali, enogastronomiche. Accanto a questo saranno strutturate una serie di proposte rivolte agli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado, ai gruppi organizzati, alle famiglie e a quanti desiderano approfondire la conoscenza del territorio.

Scelte su cui l’Amministrazione Comunale ha scommesso cercando proposte attrattive per i turisti indirizzando gli interventi sugli elementi caratterizzanti dell’area: il fiume, l’ambiente, la cultura e gli eventi.

Fra queste il “Tour della Venezia Orientale”, un progetto di valorizzazione dell’entroterra che integra il turismo delle località balneari di Caorle e Bibione con il centro storico di Portogruaro. Un nuovo circuito turistico, voluto nell’ambito delle iniziative di marketing territoriale e di potenziamento della vocazione turistica della città. Il pacchetto avviato con il progetto di valorizzazione commerciale tra i centri storici di Portogruaro, Concordia e Caorle, prevede la partenza di crociere fluviali durante la stagione estiva da Caorle e due da Bibione, con passeggiate guidate attraverso il centro storico in orario serale o diurno. Promuovere e sviluppare azioni atte a creare un marketing territoriale che favorisca lo sviluppo turistico specifico del territorio è un obiettivo strategico dell’Amministrazione Comunale, ora realizzate anche grazie alla importante sinergia avviata con i Comuni vicini, maggiormente coinvolti nella valorizzazione della Venezia Orientale. In questo senso va anche il sistema di mobilità integrato per la visita ai territori della Venezia Orientale da parte di turisti e cittadini tutti.

percorso fiume lemene

I percorsi del Lemene

Durante tale evento il Prof. Natale Cigagna ha presentato, illustrando un video delle tappe percorse, un’esperienza effettuata dai ragazzi dell’Istituto Tecnico d’Alessi.

Sono stati realizzati a tale proposito 12 volumi, divisi per argomento, che presentano i percorsi del Veneto orientale in più aspetti, per citarne solo un paio : le Vie dell’Acqua fresca e  le vie del Mare.

Progetto pedalando s’impara

 

07 Ott 2014
Senza categoria

54^ Salone Nautico di Genova (1/6 ottobre 2014)
I 107mila visitatori totalizzati dal 54° Salone nautico di Genova, che ha appena chiuso i battenti, sono certamente meno dei 115mila registrati nell’edizione del 2013. Tuttavia la maggioranza degli espositori si dice contenta del risultato della manifestazione.
Quest’anno, al salone si è respirata un’aria diversa: meno visitatori, d’accordo, ma molta più voglia di comprare. Anche da parte degli italiani.

Salone Genova 2014

Lo testimoniano le voci degli operatori, raccolte presso gli stand.
Unii c’è al Salone nautico di Genova per dare continuità alle presenze delle passate edizioni.
Ospite da qualche anno allo stand della Società Navicella di Pisa, socia di questa Unione , con la quale collabora per progetti comuni sullo sviluppo e la diffusione anche a Pisa della navigazione fluviale.

Stand SpA Navicelli

La Spa Navicella di Pisa, in collaborazione con la società cooperativa ” il Navicello di Pisa”, ha attivato dal mese di novembre 2011 un servizio di mini tour in battello sul Canale Navicelli. Read more!

Unione Navigazione Interna Italiana

Dall’1 al 3 settembre l’Unione Navigazione Interna Italiana ha partecipato alla XXVI edizione della WCC – World Canals Conference che si è svolta a Milano.  La WCC, giunta per la prima volta in Italia grazie a Navigli Lombardi, ente promotore dell’evento, è una piattaforma internazionale con cadenza annuale nel mese di settembre che coinvolge enti di governo a diversi livelli, organizzazioni tecniche/culturali/turistiche, esperti, accademici, appassionati e volontari che si trovano a presentare le loro azioni, i loro progetti e le loro idee sui temi riguardanti il mondo delle vie d’acqua interne.

Read more!