EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

ISOLA SERAFINI – NEW LOCK

Con la Conca di Isola Serafini il Po torna navigabile dall’Adriatico a Piacenza

La motonave ‘Stradivari‘ – una delle poche che ancora trasportano turisti sul Po – venerdì 23 marzo, ha attraversato la nuova Conca di Isola Serafini. L’impianto, definito come la più importante opera di ingegneria idraulica del suo genere mai realizzata in Italia, consentirà la libera navigazione nel Po in entrambe le direzioni nel tratto compreso tra il mare Adriatico e Piacenza e oltre l’Emilia Romagna.

La nuova Conca è stata intitolata a Pier Luigi Filippi, cooperatore e amministratore pubblico di lunga esperienza scomparso nel 2016. Prima assessore comunale a Fiorenzuola dal 1968 al 1971, poi assessore provinciale dal 1975 al 1990, infine tra il 2004 e il 2012 cooperatore, presidente dell’ente provinciale Turismo e altri incarichi di prestigio. «Nella sua vita Pier Luigi – ha ricordato l’assessore Regionale all’Ambiente, Paola Gazzolo, affianco ai familiari di Filippi – ha saputo conciliare alti ideali di giustizia sociale con la concretezza dell’amministratore impegnato nel quotidiano a risolvere i problemi del suo territorio. È stato un pioniere dell’innovazione, un amministratore impegnato per l’ambiente e la sostenibilità dello sviluppo economico del territorio piacentino. Oggi si realizza il suo sogno: ha fortemente creduto nell’opportunità di rendere navigabile il Po da Piacenza al mare.

Oltre alla Gazzolo al taglio del nastro erano presenti, tra gli altri, il presidente della Regione Emilia-Romagna,Stefano Bonaccini, l’assessore regionale ai Trasporti e infrastrutture,Raffaele Donini, Cesare Bernabei, della direzione regionale della Commissione europea; Carlo Secchi, coordinatore “Corridoio Atlantico” della Commissione europea; Silvia Volpato, direzione Infrastrutture e trasporti Regione Lombardia; Gimmi Distante, sindaco di Monticelli d’Ongina (Pc); Julian Espina, project officer Inea (Agenzia l’innovazione e le reti dell’Ue), e Ivano Galvani, dirigente Aipo (Agenzia interregionale per il Po), che ha appaltato i lavori, oltre a numerosi rappresentanti istituzionali e le autorità locali.

Il sindaco di Monticelli, Gimmi Distante, parla di un’opera attesa da decenni e che da oggi «avrà ricadute sul turismo fluviale collegato ai territori, costellati di importanti città d’arte e percorsi storici; e di rilancio del trasporto commerciale nelle acque interne.

La Conca potrà poi dare impulso al turismo fluviale, un settore con grandi potenzialità, grazie ai numerosi itinerari artistici, culturali ed enogastronomici che l’Emilia-Romagna può vantare e con i percorsi ciclabili e pedonali esistenti e in via di progettazione a ridosso delle rive del fiume.

Lo scorso anno la regione ha raggiunto quasi 57 milioni di presenze turistiche grazie anche alla forte spinta delle Città d’arte (+10,5% sul 2016) e delle località fuori dai circuiti tradizionali (+16,3%) e che il turismo rappresenta ormai circa il 12% del Pil regionale. Numeri che potranno aumentare ancora proprio con la diversificazione dell’offerta legata a un’opera come quella di Conca Serafini.

In una conferenza stampa che si è svolta sulla nave durante le operazioni di attraversamento della Conca, ha parlato anche l’assessore Donini. «Il Piano regionale integrato dei trasporti 2025 che stiamo si sta definendo, confermerà l’impegno per lo sviluppo del sistema idroviario padano e della navigazione nelle acque interne, puntando ad un insieme di azioni che abbracciano più settori, da quello più propriamente infrastrutturale alla promozione territoriale. In prospettiva si sta lavorando all’elaborazione di un piano per il Po, con investimenti programmati nell’arco di 5 o 10 anni, che tenga unite le esigenze di sicurezza idraulica del territorio con le prospettive di sviluppo della navigazione commerciale e del turismo fluviale».

 

15 Feb 2018
Senza categoria

BIT MILANO 2018

Dall’11 al 13 febbraio 2018 torna a Milano BIT – la Borsa Internazionale del Turismo, storica manifestazione organizzata da Fiera Milano che dal 1980 porta nel capoluogo lombardo operatori turistici e viaggiatori da tutto il mondo.

Come nel 2017 si è tenuta a Fieramilanocity, nel centro di Milano. Confermata anche la nuova formula che vedeva la prima giornata, domenica 11 febbraio, aperta a tutti e le giornate del 12 e del 13 febbraio riservate ai professionisti del settore.

Il nuovo format è stato promosso dalla customer insight, società che svolge attività di Ricerca, Customer Satisfaction, Business Intelligence e Value Creation nel settore fieristico, annoverando un portfolio di oltre 1.000 fiere a livello globale, che ha raccolto la valutazione di visitatori ed espositori della scorsa edizione: più del 91,6% dei partecipanti a BIT ha confermato l’importanza di Milano come città ideale per lo svolgimento di una fiera sul Turismo.

Da oltre trent’anni BIT favorisce l’incontro tra decision maker, esperti del settore e buyer accuratamente selezionati e profilati, provenienti dalle aree geografiche a più alto tasso di crescita economica e da tutti i settori della filiera.

Un evento che è anche formativo con oltre un centinaio tra convegni e seminari sulle ultime tendenze di settore. Per questo e molti altri motivi Unii, grazie alla Regione Veneto, ha partecipato alla BIT dall’11 al 13 febbraio 2018.

PONTILE DEL PROGETTO SUPERABILE

Il 15 marzo 2016 partono i lavori per il Progetto “SuperAbile”, che prevede la creazione di percorsi facilitati per persone con ridotta capacità motoria dal piano acqueo (il Naviglio) al piano stradale, con l’obiettivo di favorire l’accesso alle bellezze culturali e artistiche del nostro territorio.

In concreto: verranno realizzati un nuovo imbarcadero per barche di piccolo cabotaggio sul lato dell’ex Pescheria e un prolungamento dell’imbarcadero esistente sul lato del Parco delle Rimembranze, con un attraversamento pedonale semaforizzato per raggiungere in sicurezza le ville (compresa Villa Pisani).

I lavori si sono conclusi a fine agosto e l’opera è stata inaugurata sabato 10.09.2016 dal Sindaco di Stra, Avv. Cacciavillani e dall’Assessore ai lavori pubblici Ferraresso.

L’opera è stata resa possibile dal finanziamento regionale di 144.000 euro, erogati tramite il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007-2013.

SuperAbile rappresenta una sfida al futuro perché costituisce il punto di partenza per una rete di altri progetti connessi tra loro che servono a riqualificare e valorizzare ulteriormente il nostro bel territorio.

Offrire i nuovi servizi a persone/turisti che arrivano da fuori, rappresenta un modo per cominciare a ripensare alle potenzialità ricettive presenti, con ricadute positive sia in termini economici che di qualità urbana dei nostri paesi.

SuperAbile è l’inizio di una sfida che ci auguriamo porti buoni frutti.

Con questi buoni propositi è stato tagliato il nastro dal Sindaco di Stra assieme al Sindaco di Vigonovo, ad un Consigliere Regionale, al Presidente dell’Associazione Oltre il muro e al Presidente dell’ UNII.

L’inaugurazione ha coinciso con due eventi importanti e molto interessanti, una notte in riviera il 9 settembre e la “RIVIERA FIORITA” l’11settembre.

IMBARCAZIONE RIVIERA FIORITA

3 giorni di attenzioni alla splendida Riviera del Brenta partendo da Stra, con visita a Villa Foscarini Rossi – Museo della Scarpa, cena con assaggio di prodotti tipici e musica per accompagnare la serata, passando poi al pomeriggio di sabato per dare il via alla sfida SuperAbile, concludendo con la giornata di domenica con la sfilata di imbarcazioni dei nobili veneziani che abitavano nelle lussuose ville palladiane durante il periodo estivo.

Le barche a remi in partenza da Stra arrivano a Malcontenta, navigando lungo il Brenta circondato dalle maestose Ville Venete.

Una manifestazione che si ripete ogni anno per ricordare le antiche tradizioni.

05 Mag 2016

villa-pisani straUNII è coinvolta, attraverso San Servolo Servizi Metropolitani di Venezia s.r.l., nel progetto Ville Card.
auspicando l’interesse di condividere anche da parte degli operatori Unii questo strumento di accoglienza e promozione turistica della Riviera.

La Ville Card nata nel 2015 su impulso di Coop Culture passa in gestione alla San Servolo Servizi Metropolitani di Venezia con rinnovata attenzione per la stagione 2016.
La Ville Card offre la possibilità di accedere a tariffa agevolata ad una serie di servizi, in primis al circuito di vista delle Ville. Barchessa Valmarana, Villa Foscarini Rossi, Villa Valier, Villa Widmann Rezzonico Foscari, Villa Badoer Favaretto, Villa Allegri von Ghega  offrono infatti ai possessori della Card una riduzione variabile tra 1 e 2 euro sul biglietto d’ingresso.

La Card sarà abbinata all’App Le Delizie della Brenta, la guida facile della Riviera per scoprire itinerari di visita, ristoranti, luoghi di particolare interesse artistico o naturalistico, percorsi da fare in bicicletta.
Per la stagione 2016 si amplia il circuito aggregando altri servizi ed opportunità strategiche del territorio per i visitatori foresti.

Accolta la disponibilità di ENAIP ad entrare nel circuito con Villa Ferretti Angeli, anche con delle degustazioni guidate.

Ville Card scheda di riepilogo servizi

Locandina

23 Dic 2015
Senza categoria

Parigi 4/13 dicembre 2015

Si è concluso domenica 13 novembre il Salone Nautico di Parigi all’interno del quale UNII ha distribuito il proprio materiale promozionale dal 4 dicembre, promuovendo le vie navigabili, come fa dal lontano 1999.

conferenza stampa 5 dicembre 2015

Il giorno 5 dicembre si è tenuta una conferenza stampa, organizzata da UNII assieme ai comuni di Dolo e Stra, con risultati molto positivi dei quali vi vogliamo aggiornare ora a fiera conclusa. L’incontro con i giornalisti del settore si è svolto con la consegna del materiale informativo e mappe delle Delizie del Brenta (tramite Unione dei comuni) e con l’illustrazione della Riviera del Brenta tramite una breve descrizione del Naviglio e la presentazione della nuova APP “ Delizie del Brenta “

Strumento apprezzato e utilissimo per conoscere la Riviera in tutta la sua bellezza e per sfruttare al meglio i servizi che offre. Dalla conferenza stampa è emerso molto interesse per i suddetti luoghi e un consiglio da parte dei giornalisti presenti di utilizzare più spesso strumenti per Smartphone o Tablet per far conoscere cose e luoghi poiché risultano molto pratici, sempre aggiornati, non costosi o ingombranti e molto semplici per conoscere il territorio, soprattutto per i giornalisti che dovrebbero altrimenti avere degli archivi per tenere tutte le informazioni necessarie ai loro articoli per poi andarle a rivedere ogni qualvolta sia necessario. Contrariamente con una versione dei documenti digitale diviene tutto molto più snello e veloce.

Come già noto e come da programma, ai giornalisti è stato proposto educational tour di tre giorni, che solitamente UNII organizza una volta l’anno a giugno, per rimanere un giorno intero dei tre a visitare la Riviera del Brenta.

Da non dimenticare che questo successo di Unii, non poco importante per le attività e per diffondere la conoscenza delle vie navigabili e dei territori anche all’estero, è dovuto ad un contribuito della Regione Veneto, la quale da anni appoggia questa iniziativa Unii dedicata interamente al Turismo Fluviale.

Un grazie va naturalmente anche ai comuni di Dolo e Stra che ci hanno supportato e agli operatori del settore sempre attivi che, con il loro immancabile impegno e investimento, collaborano strettamente con Unii per incrementare le presenze e lo sviluppo del  settore.

12 Nov 2015
Senza categoria

IL SALONE NAUTICO DI GENOVA

Il Salone nautico di Genova giunge al termine della sua 55^ edizione con un bilancio più che positivo: 115.180 persone. Visitatori e grande soddisfazione tra operatori e organizzatori superano le aspettative.

La manifestazione ha accolto nel capoluogo ligure 760 espositori e 115.180 visitatori (5.4% in più rispetto alla scorsa edizione) provenienti da tutto il mondo che hanno potuto ammirare attraversando i 200 mila metri quadrati, imbarcazioni e servizi.

Assonautica di Rovigo e Venezia, che ha gentilmente ospitato UNII, faceva parte di questa realtà di espositori che hanno saputo offrire promozione e illustrazioni ad un cospicuo numero di visitatori interessati ai territori veneti e italiani.

Il Salone ha consolidato il suo ruolo strategico per la promozione del made in Italy e si conferma un punto di riferimento della nautica mondiale, quindi indiretto beneficio ne traggono anche i servizi delle realtà territoriali di passaggio per chi naviga e sceglie magari di dedicare una giornata al turismo fluviale provando un tour in battello in uno dei diversi itinerari possibili.

Oltre 1.300 giornalisti e collaboratori italiani ed esteri accreditati, migliaia di operatori esteri tra cui 140 tra i più importanti influencer da 36 paesi.

80 convegni e workshop

1.104 press meeting

480 incontri con dealers all’interno del Salone.

20 eventi, 7 mostre e una serata dedicata allo shopping all’interno della Fiera.

Numeri che fanno ben comprendere un totale importante di visitatori e l’assoluta necessità di partecipare a fiere come queste per affermare le realtà italiane, le possibili alternative di sfruttamento del tempo libero, le varietà di scelta del luogo dove passare le vacanze per scoprire ogni volta qualcosa di diverso e attrattivo.

Ci si dà appuntamento quindi al Salone di Parigi, prossima imminente meta per rappresentare l’Italia all’estero e le possibilità di vacanza alternativa che il turismo fluviale offre.

Per l’anno nuovo si confermano già le date per il Salone Nautico di Venezia 21/25 aprile e il 20/25 settembre per il salone nautico di Genova.

 

 

 

 

Trieste, Lega navale, illustrando l’Idrovia Litoranea Veneta

Idrovia Litornea Veneta

il 25 giugno il Presidente Unii, Mario Borgatti, è stato invitato a relazionare presso la Lega Navale di Trieste sull’ idrovia Litoranea Veneta, stato dell’arte e lavori e più in generale sul Sistema delle vie navigabili italiane, con i ringraziamenti dei partecipanti il Presidente ha spiegato la situazione attuale dell’Idrovia, quale utile linea turistica e commerciale che collega Venezia con  Trieste o viceversa.
La Litoranea Veneta, propriamente detta si snoda lungo un percorso di 109 km e si diparte dalla conca del Cavallino per terminare presso l’Isonzo.  E’ costituita da un complesso sistema di canali che connette tra loro il fiume Sile, Piave, Livenza, Lemene, Tagliamento, Stella e Isonzo e gli specchi d’acqua della Laguna di Venezia, Caorle e Bibione, Marano e Grado.
Di fatto la Litoranea permette il collegamento tra la laguna di Venezia e quella di Marano e Grado, attraverso un percorso di 134 km e tra la Laguna di Venezia e il Po di 60 km.
L’itinerario viene toccato anche da operatori Soci Unii che effettuano servizi su tale tratta e  fa parte dell’offerta unii per expo per il 3 giorno di navigazione in programma tra i percorsi dell’antica Serenissima.

Educational Pisa: stampa francese in tour negli itinerari fluviali toscani dal Canale navicelli all’Arno nei giorni della Luminara

pisa, stampa estera

Unii ogni anno organizza un educational tour sulle vie navigabili per promuoverle e farle conoscere alla stampa estera.
Per l’edizione di giugno 2015, è stata scelta Pisa per presentare una novità assoluta in Francia, ossia la possibilità di navigare nei canali e fiumi della Toscana, avendo la possibilità di vedere anche Pisa e Firenze.
Tutto questo affinché i giornalisti del settore creino una sorta di propaganda nella loro città e portino a conoscenza anche le agenzie di viaggio francesi del prodotto disponibile in Italia da offrire a chi vuole visitare il Bel Paese.
Il giorno 15 giugno il gruppo stampa estera è stato accolto dall’Unione Navigazione all’Aeroporto Galileo Galilei per condurlo dal Sindaco di Pisa, Marco Filippeschi, che ha dato loro il benvenuto presso il Municipio, illustrando qualche cenno storico della città e il gemellaggio tra Pisa e il Comune di Anger  in Francia. Prima dell’imbarco in battello per il giro sull’Arno il Sindaco e il Presidente della Società Navicelli di Pisa, Giovandomenico Caridi, spiegano l’utilità delle vie navigabili toscane.
Ricordando il fiume Arno a Firenze la cui foce si trova all’interno di un bellissimo parco, residenza estiva dei Presidenti della Repubblica Italiana, il parco di San Rossore che con Migliarino e Massaciuccoli forma un patrimonio della Biosfera Unesco.
Il Canale Navicelli a Pisa che con i suoi 17 km di lunghezza conduce a Livorno è, come il fiume Arno un importante risorsa turistica e commerciale in quanto le navi da crociera che arrivano al Porto di Livorno possono offrire un’escursione a Pisa attraverso un Tour sul Canale Navicelli con battello, e le navi commerciali possono caricare della merce che arriva direttamente dal Canale con chiatte, è noto infatti l’insediamento lungo il canale di Industrie, prima fra tutti quella cantieristica.
25 Mar 2015
Senza categoria

VIAGGIO NELL’ANTICO DOGADO

Slow tourism tra Padova e Venezia

Viaggio nell’Antico Dogado” è il video realizzato dalla Provincia di Padova e GAL Antico Dogado nell’ambito del progetto TUR RIVERS per promuovere forme di turismo slow lungo le vie d’acqua del territorio dell’Antico Dogado. Il video (durata 3:17 minuti) racconta con tecniche di storytelling il viaggio di una giovane turista che si immerge nella campagna veneta, tra le province di Padova e Venezia, la scopre e la percorre con mezzi lenti, quali canoa, bicicletta, cavallo e battello turistico, per raggiungere Chioggia, splendida città sulla laguna sud di Venezia.

Le terre dell’Antico Dogado, chiamate anche “Terre di mezzo”, sono formate da 13 comuni –7 in Provincia di Padova: Arzergrande, Bovolenta, Candiana, Codevigo, Correzzola, Pontelongo, Terrassa Padovana e 6 in Provincia di Venezia: Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Cavarzere, Chioggia, Cona, Mira – accomunati dalla dominazione della Serenissima. Percorrere l’Antico Dogado significa tuffarsi nelle campagne dove i nobili veneziani ricrearono lo sfarzo delle loro residenze di Venezia per trascorrere momenti di svago e divertimento, mentre gestivano le loro proprietà terriere. Si può rivivere questa atmosfera nelle favolose ville che si specchiano sull’acqua lungo i fiumi navigabili, come Adige, Bacchiglione e Brenta, che si intrecciano ai canali artificiali che irrigano la fertile campagna veneta fino a incontrare il mare Adriatico.

È un territorio da scoprire in armonia con i tempi della natura e dell’uomo per ritrovare la giusta dimensione del tempo, il relax e l’evasione dai ritmi urbani e dal traffico. Sono tanti gli itinerari da fare a piedi, in bicicletta, a cavallo, in canoa o a bordo di un battello turistico, con un’escursione giornaliera o una vacanza slow, seguendo l’antica via del sale, in un susseguirsi di ville venete, corti benedettine, valli di pesca, idrovore e campanili, partendo da Padova o dalla Riviera del Brenta e arrivando a Chioggia.

Chioggia è una pittoresca cittadina di pescatori con canali, calli, campielli, ponti e palazzi che si riflettono sull’acqua della laguna veneziana. Ricorda Venezia, tuttavia, Chioggia ha un’identità distintiva, che emerge dal carattere orgoglioso della sua popolazione. La città è un ottimo punto di partenza per le s visitare la verdissima campagna veneta che si estende fino a Padova attraverso le terre dell’Antico Dogado.

Percorrere le terre dell’Antico Dogado significa immergersi in ambienti rurali sospesi tra terra e acqua, osservare la tranquilla vita dei pescatori e gustare i sapori locali di antiche ricette. Sono tanti i piatti a base di specialità locali: il radicchio di Chioggia, l’asparago bianco di Giare, la zucca marina di Chioggia, il pregiato miele di barena e i vini DOC del territorio (“Riviera del Brenta”, “Corti Benedettine”, “Bagnoli”). Dal mare arrivano branzini, anguille, cefali e “moeche” (granchi senza carapace), che abili cuochi trasformano in Broeto de pesse alla Ciosota (brodo di pesce alla chioggiotta), Sardele in saor (sardine frollate nella cipolla), Moeche frite, Bigoli in salsa e risotti. Non mancano certo i piatti di carne e gli insaccati come salami, luganeghe e soppresse.

https://www.youtube.com/watch?v=Zcm51GF0JqQ

PRESENTAZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO DI MOBILITÀ TURISTICA BARCA BICI BUS LUNGO IL FIUME LEMENE LA LAGUNA DI CAORLE E LA LITORANEA VENETA

Domenica 16 novembre alle ore 9.00 in sala consiliare a Portogruaro è stato presentato il nuovo Sistema integrato di mobilità turistica Barca Bici Bus lungo il fiume Lemene la laguna di Caorle e la Litoranea Veneta.

Il Sistema è proposto dalle aziende locali Blu Verderame in accordo con una rete di operatori privati ed è finalizzato alla strutturazione e proposta di visite nel territorio della Venezia Orientale con imbarcazioni elettriche e biciclette e con la collaborazione di ATVO Spa che, con i propri autobus, curerà il trasporto dei turisti e dei visitatori dagli Aeroporti di Venezia e di Treviso e dai principali snodi autoferroviari.

Il Sistema integrato di mobilità turistica consente di percorrere le vie navigabili del fiume Lemene e la Litoranea Veneta interconnettendosi con le piste ciclabili del Giralemene, del Giralagune, del Giratagliamento e del Giralivenza, consentendo così di raggiungere tutti i Centri della Venezia Orientale e fruire delle molte attrattive e peculiarità ambientali, storiche, culturali, enogastronomiche. Accanto a questo saranno strutturate una serie di proposte rivolte agli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado, ai gruppi organizzati, alle famiglie e a quanti desiderano approfondire la conoscenza del territorio.

Scelte su cui l’Amministrazione Comunale ha scommesso cercando proposte attrattive per i turisti indirizzando gli interventi sugli elementi caratterizzanti dell’area: il fiume, l’ambiente, la cultura e gli eventi.

Fra queste il “Tour della Venezia Orientale”, un progetto di valorizzazione dell’entroterra che integra il turismo delle località balneari di Caorle e Bibione con il centro storico di Portogruaro. Un nuovo circuito turistico, voluto nell’ambito delle iniziative di marketing territoriale e di potenziamento della vocazione turistica della città. Il pacchetto avviato con il progetto di valorizzazione commerciale tra i centri storici di Portogruaro, Concordia e Caorle, prevede la partenza di crociere fluviali durante la stagione estiva da Caorle e due da Bibione, con passeggiate guidate attraverso il centro storico in orario serale o diurno. Promuovere e sviluppare azioni atte a creare un marketing territoriale che favorisca lo sviluppo turistico specifico del territorio è un obiettivo strategico dell’Amministrazione Comunale, ora realizzate anche grazie alla importante sinergia avviata con i Comuni vicini, maggiormente coinvolti nella valorizzazione della Venezia Orientale. In questo senso va anche il sistema di mobilità integrato per la visita ai territori della Venezia Orientale da parte di turisti e cittadini tutti.

percorso fiume lemene

I percorsi del Lemene

Durante tale evento il Prof. Natale Cigagna ha presentato, illustrando un video delle tappe percorse, un’esperienza effettuata dai ragazzi dell’Istituto Tecnico d’Alessi.

Sono stati realizzati a tale proposito 12 volumi, divisi per argomento, che presentano i percorsi del Veneto orientale in più aspetti, per citarne solo un paio : le Vie dell’Acqua fresca e  le vie del Mare.

Progetto pedalando s’impara